zumba

Prof e istruttore di zumba?

Forse sono esagerato, anzi, lo sono di sicuro. La scuola è un vestito che mi sta tanto bene, forse troppo. A scuola sono io , la scuola mi da vita, anche se io ho tanti altri interessi.

Un brutto giorno di giugno ricevo la notizia che un alunno di una mia classe è positivo al covid e io devo fare lezione da casa, ai miei alunni presenti in classe. Ci rimango malissimo, la mia giornata è rovinata. Ma come, sei a fine scuola, ci sei sempre andato, tranne i periodi di Dad, addirittura fai un dramma per qualche giorno a casa, fino al tampone? Sì, mi sento triste e fuori posto, anche se so che vedrò gli alunni, sia pure in video. Arriva il giovedì, è il giorno in cui ci deve essere la conversatrice di madre lingua in classe.

La scuola sta per finire e il programma è stato abbondantemente svolto. Si festeggia un po’. Io sono frastornato e intontito, perché vorrei essere con quegli alunni, con quei meravigliosi ragazzi, a cui voglio un mondo di bene. Gliel’ho anche detto. Incomincia il collegamento Meet e la collega di conversazione ricorda ai ragazzi che io sono istruttore di zumba. Dice: “Perché non ci dai una dimostrazione?” Sono un po’ rimbambito e non realizzo subito. Mi collego al sito di zumba e condivido la musica. Chiedo, con non troppa convinzione, “Sentite la musica?”. Mi dicono di sì, mi allontano e sposto un po’ il tavolo, mi tolgo la cravatta, dopo aver scelto un merengue. Sono in pantaloni lunghi e camicia, non esattamente una tenuta da zumba, La tristezza e la malinconia lasciano il posto all’energia, all’entusiasmo. Vedo i ragazzi, dall’altra parte dello schermo, scatenarsi dall’altra parte dello schermi assieme alla conversatrice, che gira un video con il cellulare. I tavoli sono stati spostati in un angolo. Il calore sale, dentro e fuori, il merengue impazza. Force of Happiness, forza della felicità è uno degli slogan di zumba. è vero. Mi sono rigenerato, si sono rigenerati. Finisce il brano, sono felice e sudato fradicio, sono felicissimi, forse sono anche sudati. La scuola è anche questa. Rimarrà nella loro anima, rimarrà nella mia, per sempre.

Più forte (storia di una quarta liceo)

Rimarrà il lavoro sul patriarcato per educazione civica, con i ragionamenti delle mie alunne in tedesco, che organizzano una trasmissione sulle differenze di genere, rimarrà il lavoro sulla giornata della Memoria, con il video della mia alunna che suona il tema di Schindler’s List, con le interviste realizzate alla nonna sui ricordi del tempo di guerra, rimarrà il lavoro sull’Olocausto delle persone omosessuali, resterà il lavoro sulle criminali naziste, rimarranno i ragionamenti su Kant e sulla borghesia italiana, rimarranno i loro sorrisi, rimarranno i miei sorrisi, rimarrà il presidente tanghero, che non ha accettato la lezione di zumba.

Il collega che mi ha “portato via il posto” e che l’ha detto quasi ridacchiando, continuerà a far fatica a pagare il mutuo e le bollette. La classe quarta, che avrebbe tanto desiderato avere me alla maturità, conoscerà il terzo insegnante di tedesco, con il quale farà l’esame, ma anche la classe terza, ma anche la seconda.

Nei prossimi post scriverò di altre classi, forse.

Grazie, infinitamente grazie.

Ero molto piccolo e vidi dei ballerini di danza classica. Mi incuriosì da matti la loro forza, la loro energia. Avrei voluto provare anche io danza classica. Mi piaceva anche danza moderna, mi piacevano i ballerini e le ballerine dei programmi televisivi, anche se preferivo la danza classica. Ho provato a fare capire in casa le mie intenzioni, senza mai dirlo esplicitamente. Non ce l’ho fatta. Mi avrebbe imbarazzato un po’ indossare la calzamaglia, anche se ho avuto la fissa per i pantaloncini da ciclista, per un po’, che sono quasi una calzamaglia. Si dice che la vecchiaia consista nell’avere dei rimpianti. Ne ho uno solo, almeno credo. Quando ero piccolo, non mi piaceva educazione fisica. Non mi piaceva il fatto che dopo si fosse tutti sudati, non mi piaceva non poter farmi la doccia. Per me, la lezione di ginnastica era, troppo spesso, un incubo. Mi piaceva solo quando la maestra ci insegnava dei balli tipici di vari paesi, come della Jugoslavia o Francia. Io volevo ballare.

Passano gli anni e mi dedico al calcio, per un po’, ero capitato in una società, che troppe volte non si curava dei ragazzi. Inizio ad andare in palestra, facendo pesistica e irrobustendomi, da che ero uno stecchino tutt’ossa. Ero timido, riservato, a volte troppo timido e qualche volta bloccato. Un giorno inizio a fare aerobica e scopro la mia dimensione dionisiaca, o forse la riscopro. E cambia qualcosa anche dentro. Trovo qualcosa che era nascosto.

Sento parlare di zumba e ne capisco i tratti in modo confuso, però mi attira. Pensavo che prima o poi l’avrei provata. E fu così che arrivo il momento, quel giorno di inizio dicembre del 2014, grazie ad un’istruttrice brava e bella, ma che si sarebbe troppo cattolica e priva di senso dell’umorismo. Inizio a frequentare le lezioni e le masterclass, splendide epifanie di grinta e bellezza. Conosco e divento amico di un presenter di zumba fantastico. Nel 2019 ho preso, con alcune esitazioni, la decisione di conseguire il brevetto di ZIN. All’inizio mi vergognavo e non lo volevo dire a nessuno, ma poi mi sono azzardato. Pensavo che non sarei mai stato in grado di organizzare special class o di condurre canzoni. Poi ho iniziato a frequentare le jam del mio amico presenter e, piano piano, ho acquisito sempre più fiducia nelle mie capacità. Ho pensato ad una special class per beneficenza, ho iniziato a chiedere consigli e spiegazioni ad una mia amica e collega, che ha uno dei sorrisi più contagiosi che ci siano, ma anche ad un’altra collega e prof di tedesco, la quale è sempre stata disponibile e attenta.. Ho preso appunti, ho cercato di mettere in pratica gli insegnamenti e ho deciso di unire la nostra special alla sua. Ho contattato un amico portentoso, il quale ha realizzato stupende e divertentissime locandine. e ha portato tutta la sua grandissima energia e creatività. Ho contattato una fanciulla magnifica, dagli occhi che incantano e che riempie di emozione chi la vede ballare. E poi ci sono l’allegria e il sorriso di un’altra splendida collega. E ci potremmo mai scordare dell’entusiasmo contagioso del mio amico e dell’infinita dolcezza e del sorriso della sua compagna? Dico, ci potremmo mai scordare? Assolutamente no! Ho trascorso settimane a studiare le choreo, incastrandole nei pochi momenti liberi, tra un lavoro e l’altro. Ho organizzato dirette ironiche, che spero abbiano fatto divertire. La sera prima della special abbiamo fatto una spettacolare e divertentissima riunione su zoom, per definire gli ultimi particolari, tutti animati dall’entusiasmo e dalla voglia di non prendersi mai troppo sul serio. è finita la riunione e io ho continuato a provare delle choreo, anche se ero stanco morto, anche se, il giorno successivo, mi sarei dovuto alzare alle 6, per andare a lavorare. Dopo la riunione avevo iniziato a preoccuparmi un po’, avevo paura di non essere all’altezza della situazione. La notte ho fatto un po’ fatica a dormire. Il sabato mattina mi sono fatto 100 km di macchina, ripassando a voce alta le coreografie, di cui mi ascoltavo le musiche. Trascorro una mattinata di lezione e corro a casa. Nel frattempo, vedo il messaggio del mio amico presenter, che ha fatto una donazione per la bellissima iniziativa della mia amica zin e che mi scrive, che avrebbe cercato di intervenire. Quando arrivo a casa, penso a sistemare il salotto, prima che a mangiare qualcosa, molto freneticamente. Ripasso, ripetendo a voce alta i movimenti, sentendomi come quando ero agli esami universitari. Poi arriva il momento della special, vedi gli altri, vedi le persone che hanno accettato il tuo invito, che hanno dedicato il tuo tempo a te e agli altri. Sale l’adrenalina, sale l’emozione, poi, arriva il momento di far partire la musica. E ti dimentichi l’agitazione, punti a dare tutto, a scatenare tutta la tua energia positiva, a ballare più carico che mai. E poi vedi gli altri che ballano con te, li vedi sorridere e sei felice. E poi vedi i tuoi compagni zin e sono strabravi. Io non sono riuscito a stare fermo un secondo, ognuno con il proprio stile, che ha impreziosito questa lezione speciale. Sapevo che sarebbero stati strabravi, ma hanno anche superato le aspettative più rosee. FANTASTICI!!!!! Io non so se sono stato bravo, posso essere certo di avere studiato e di avere dato il 1000%. E la cosa più importante è che siamo un gruppo di belle persone, che hanno come obiettivo, quello di divertirsi e far divertire, far sorridere gli altri. E poi vedi arrivare in collegamento il tuo amico zumba jammer e ti senti ancora più orgoglioso di avere portato sue choreo, ma anche conscio della responsabilità, essendo choreo di un presenter di una bravura e di una fama pazzesche. E poi ti guardi allo specchio e vedi la scritta sulla tua canotta “Force of Happiness”, e capisci che è vero, capisci che non è solo uno slogan. E vedi il tuo sorriso allo specchio e sei ancora più innamorato della vita, e di zumba, che sono, probabilmente sinonimi. A presto, con nuove idee.

Ombelico

Even though she sleeps upon your satin
Even though she wakes you with a kiss
Do not say the moment was imagined
Do not stoop to strategies like thisAs someone long prepared for this to happen,
Go firmly to the window. Drink it in
Exquisite music. Alexandra laughing
Your firm commitments tangible againSharon Robinson, Alexandra LeavingSuddenly the night has grown colder.
The god of love preparing to depart
Alexandra hoisted on his shoulder,
They slip between the sentries of the heart.Upheld by the simplicities of pleasure,
They gain the light, they formlessly entwine
And radiant beyond your widest measure
They fall among the voices and the wineIt’s not a trick, your senses all deceiving
A fitful dream, the morning will exhaust
Say goodbye to Alexandra leaving.
Then say goodbye to Alexandra lostEven though she sleeps upon your satin
Even though she wakes you with a kiss
Do not say the moment was imagined
Do not stoop to strategies like thisAs someone long prepared for this to happen
Go firmly to the window. Drink it in
Exquisite music. Alexandra laughing
Your firm commitments tangible againAnd you who had the honor of her evening
And by the honor had your own restored
Say goodbye to Alexandra leaving
Alexandra leaving with her lordEven though she sleeps upon your satin
Even though she wakes you with a kiss
Do not say the moment was imagined
Do not stoop to strategies like thisAs someone long prepared for the occasion
In full command of every plan you wrecked
Do not choose a coward’s explanation
That hides behind the cause and the effectAnd you who were bewildered by a meaning
Whose code was broken, crucifix uncrossed
Say goodbye to Alexandra leaving
Then say goodbye to Alexandra lostSay goodbye to Alexandra leaving
Then say goodbye to Alexandra lost

Qualche volta guardo il mio ombelico e penso di essere bravo a scrivere certi post, mi diverto e poi mi viene da sorridere, qualche volta muoio dal ridere. Lo so di non essere Saramago, me ne rendo conto.

Stavo pensando al grande amore, nato troppo presto, che non so nemmeno se è grande. Stavo pensando a quello che è successo la scorsa estate, quando ho conosciuto una donna, che, all’improvviso si è interessata a me. Mi aveva stupito, ma era bello. Era bello quando ci scrivevamo i messaggi e ci telefonavamo spesso. Sembravamo due fidanzatini adolescenti. Mi faceva stare bene e poi, dopo quella sera al mare, è diventata sempre più fredda e distante, arrivando ad “accusarmi” di averla “idealizzata”. Ed è svanito rapidamente tutto, fino a quel mio ultimo messaggio, che terminava con “buonanotte”.

è durato poco, troppo poco, come l’estate in certi paesi di montagna, è durato troppo poco, come certi vip veri o presunti che vanno ad un reality show. Avrebbe potuto essere un’estate entusiasmante, avrebbe potuto, invece quel rapporto è andato a farsi friggere, forse anche per colpa mia, non discuto. è andato a farsi friggere come altri, nati bene, nati troppo velocemente, morti troppo velocemente.

e poi il 16 settembre se ne è andato il mio amico fragile, troppo fragile. e la sua fidanzata se ne è quasi andata. che estate del cavolo, rischiarata solo da zumba e dalla mia personal trainer. massì, anche da panorami montani e buon cibo.

M.

Grigio

Sta per finire un anno grigio, con qualche gioia, qualche moderato sorriso, con qualche soddisfazione. Sta per finire un anno difficile, rischiarato dalla luce della scuola e dai brevetti che ho conseguito da istruttore di fitness. Ho condotto la mia prima canzone da istruttore di zumba ed è stata un’emozione non da poco. Ero agitato e non poco, prima di cominciare. Poi è andata bene, sono stato felice.

Un abbraccio.

A presto,

buona vita e buone feste a voi.

M.

non ho più voglia di uscire

Da quando c’è stato il confinamento più stretto, non ho più voglia di uscire, neanche adesso che un po’ ci si può muovere. Vado a fare la spesa vicino a casa e a vuotare il pattume. Ho trascorso due pomeriggi, ieri e oggi, a casa, fino al momento delle lezioni on line di zumba. La sera sono stato a casa, ovviamente, ordinando cibo a casa.

Diventerò Oblomov?

Zumba

Nel 2014 lavoravo in due scuole. In una scuola vivevo con ragazzi delle superiori evoluti e sereni, intelligenti e sorridenti. In un’altra scuola ero con ragazzini delle medie, molti dei quali nervosi e problematici. Un giorno di inizio dicembre sto male e perdo conoscenza per qualche secondo. Quel giorno non vado a scuola. I giorni successivi sono giorni di impegni scolastici serrati e non riesco ad andare tanto in palestra. Il sabato decido di provare zumba. Da tanto tempo ci stavo pensando, ma, per vari motivi, avevo sempre rimandato.

C’è una ragazza bella e sorridente, che insegna zumba. Mi diverto subito da matti e inizia la passione. Mi da libertà, allegria, mi fa esprimere. Adoro ballare. Comunico me stesso e mi sento anche più sciolto a scuola e nella vita. Zumba mi migliora la vita. Passano gli anni e frequento lezioni, anche masterclass, piene di appassionati come me, anche lontano dalla mia città. Una volta ho anche incontrato una mia alunna. Qualche settimana fa ho preso una decisione.

Mi sono iscritto ad un corso ed ho conseguito il brevetto da Zin, cioè istruttore di zumba. è stato bello riscoprirsi alunno. è durato un giorno quel corso. è stato interessante e stimolante. Penso che mi abbia fatto bene. e mi farà ancora meglio, al fisico e al corpo.

Rimini Wellness

Oggi ho accompagnato delle classi della scuola in cui lavoro a Rimini Wellness. Sono stato scelto, in quanto appassionato di fitness. Sono contento che si scoprano altri lati di me. è stata una giornata iperstimolante. Sono molto eccitato, perché mi sono allenato tanto, ho ballato zumba, etc. Volevo scrivere solo questo, senza voli pindarici. Sono felice, oggi è stata una giornata guadagnata. Passo e chiudo.

Un pezzo di paradiso

Forza, devo mettere da parte questa felicita’ per l’inverno dello spirito.

E’ notte, siamo in tanti, piu’ donne che uomini. Siamo in spiaggia, c’e’ un palco e c’e’ la musica giusta. Ci sono i ritmi giusti: latini, indiani, disco e afro. Ho i piedi nudi e sono senza maglietta. Sudo da matti, ma non sento la fatica. E’ il momento di zumba. Una bella ragazza, un’istruttrice mi viene incontro nel mezzo di un brano, mi prende per mano e mi porta sul palco. Ballo scatenato accanto al mio amico istruttore. Davanti a noi ci sono 40 persone. Vorrei che jl paradiso fosse cosi’, con l’aggiunta di libri, viaggi, cibo e vino.

confusione

Ho un’infiammazione al braccio sinistro, con dei puntini rossi. Mi brucia un po’. Penso che dovrò andare da un dottore. In questi mesi sto passando tanto tempo dal dentista e lasciandole un sacco di soldi. (infezione ai denti).

In una delle tre scuole in cui lavoro, sulle colline, mi trovo male con una classe. è una prima liceo linguistico: sono rozzi, grezzi ed ignoranti.

Domenica ho ballato zumba su un palco di un evento mondiale, assieme ad uno ZES (Zumba education specialist).

c’è grande confusione, nella mia vita come in questo post, assai poco memorabile.

“Grande è la confusione sotto il cielo. La situazione è eccellente” sarà vero? mah.

il vostro blogger perplesso vi saluta.

a presto.