ZIN

Zumba

Nel 2014 lavoravo in due scuole. In una scuola vivevo con ragazzi delle superiori evoluti e sereni, intelligenti e sorridenti. In un’altra scuola ero con ragazzini delle medie, molti dei quali nervosi e problematici. Un giorno di inizio dicembre sto male e perdo conoscenza per qualche secondo. Quel giorno non vado a scuola. I giorni successivi sono giorni di impegni scolastici serrati e non riesco ad andare tanto in palestra. Il sabato decido di provare zumba. Da tanto tempo ci stavo pensando, ma, per vari motivi, avevo sempre rimandato.

C’è una ragazza bella e sorridente, che insegna zumba. Mi diverto subito da matti e inizia la passione. Mi da libertà, allegria, mi fa esprimere. Adoro ballare. Comunico me stesso e mi sento anche più sciolto a scuola e nella vita. Zumba mi migliora la vita. Passano gli anni e frequento lezioni, anche masterclass, piene di appassionati come me, anche lontano dalla mia città. Una volta ho anche incontrato una mia alunna. Qualche settimana fa ho preso una decisione.

Mi sono iscritto ad un corso ed ho conseguito il brevetto da Zin, cioè istruttore di zumba. è stato bello riscoprirsi alunno. è durato un giorno quel corso. è stato interessante e stimolante. Penso che mi abbia fatto bene. e mi farà ancora meglio, al fisico e al corpo.

adrenalina

c’è adrenalina nell’aria, i volti diventano sempre più partecipi. gli sguardi sono diventati vivi, parte una musica allegra. sembra solo sport, ma è vita pura. sale sul palco una ragazza con i capelli ricci e i tratti meridionali. inizia zumba. da dicembre 2014 è la mia nuova passione, la passione di un ragazzo che amava e ama il ballo. inizia una masterclass, termine pomposo che indica la presenza di uno ZES, leggasi autorità assoluta nel campo della zumba. è un bel ragazzo che viene dal Sud Africa. L’energia aumenta. Io ho un paio di pantaloncini mimetici e una maglietta con scritto sopra Zumba. Ho tanto entusiasmo, anche se i miei movimenti sono un po’ scomposti. Siamo nella palestra di un famoso liceo, nel quale ho tenuto, la scorsa estate, un seriosissimo corso. Ero vestito con giacca e cravatta, anche se faceva un caldo boia. Non voglio essere vestito come gli alunni.
Ad un certo punto lo ZES scende dal palco, si avvicina a me e mi chiede di salire sul palco con lui. è tutto vero e non è la prima volta che salgo sul palco, anche se non sono un istruttore, che nella zumba si chiamano ZIN. Faccio una corsa e vado sul palco. Ci sono 200 persone, sono carico a mille.