Letteratura

La mia tesi/2

METODOLOGIA
Le interpretazioni critiche di una scelta significativa di poesie di Kljuev costituiscono uno dei due punti nodali di questo lavoro, assieme alle traduzioni. La lettura approfondita delle sue poesie pone dei problemi legati alla complessità della lingua, alla commistione tra codici, poiché il poeta utilizza termini dialettali, termini di altre lingue, come quella mongolica e, soprattutto termini del linguaggio settario. A proposito della lingua russa va sottolineato che Kljuev utilizza anche molti arcaismi e molti termini che indicano elementi della natura siberiana. Inoltre vi è anche l‟utilizzo di un linguaggio simbolico che ha posto l‟esigenza di una “doppia lettura” di alcune poesie, di cui una più letterale e l‟altra che ha tenuto conto della quantità di riferimenti che ogni parola, ogni espressione della poesia di Kljuev contiene. Le analisi che vengono presentate costituiscono una chiave interpretativa dei temi che affronta il poeta e delle idee che esprime, quindi sono necessariamente discutibili. Nei paragrafi che seguono verranno forniti degli spunti sul metodo adottato nella lettura critica delle poesie.
Le analisi delle poesie sono state organiche, nel senso che ognuna delle parti in cui sono divise, parti che chiameremo introduzione, svolgimento e conclusione, oltre a contribuire ad imprimere forza alle tesi che vengono espresse, devono fornire un‟idea di omogeneità. L’introduzione HA POSTO LE BASI DI TUTTO IL LAVORO DA SVOLGERE. Qualsiasi opera letteraria e, dunque, qualsiasi poesia, è inserita in un contesto storico dal quale viene influenzata in varia misura. Ho cercato, nelle analisi, di CONTESTUALIZZARE la poesia, di offrire un quadro generale del periodo storico in cui viene scritta. Ho indicato gli avvenimenti più importanti, sia della nazione in cui vive e/o opera l’autore, sia gli avvenimenti che accadono negli altri paesi. Considerare un’opera in maniera astorica è estremamente fallace, perché può contribuire a trarre in inganno sia colui che analizza che colui che legge l’interpretazione critica. Ho cercato anche di NON CADERE NELL’ECCESSO OPPOSTO, in altre parole quello di REDIGERE UN SAGGIO
8
STORICO, che devierebbe in maniera determinante da quello che è il tema principale, cioè la poesia. Il percorso di avvicinamento alla poesia iniziato con la descrizione del contesto storico continua: essa è inserita all’interno di un progetto narrativo coerente ed è influenzata dalla vita dell’autore e dalle scelte culturali e personali che egli ha compiuto. Ho anche scritto della vita dell’autore e del percorso che l’ha portato a comporre quella poesia. A questo punto la poesia è stata inserita in un contesto: sono stati forniti al lettore i primi mezzi per capire la poesia e l’interpretazione che viene fornita e, magari, per interpretarla in modo diverso. La fase che precede immediatamente lo svolgimento, è quella dell’INDIVIDUAZIONE DEI TEMI PRINCIPALI della poesia. Ogni poesia esprime delle idee, affronta dei temi, in maniera più o meno coerente: li ho cercati e sviluppati. Lo svolgimento è stato diviso in parti, ognuna delle quali corrisponde ai temi affrontati: questa divisione è “annunciata”, al termine dell’introduzione. LO SVOLGIMENTO DIMOSTRA LA FONDATEZZA DELLA DIVISIONE IN TEMI CHE VIENE OPERATA QUALCHE RIGA PIÙ INDIETRO: vale la pena ricordare, che, nonostante si affrontino le tematiche separatamente, la poesia è unica, e, dunque, ciascuno dei temi affrontati non termina in modo netto alla fine di un paragrafo, anche se l’attenzione del poeta e del lettore si sposta su altri temi e altre idee. Per dimostrare la fondatezza delle mie tesi ho utilizzato tutti quegli elementi stilistici, retorici e metrici che ne confermano la validità; ho utilizzato inoltre tutte quelle citazioni, quei riferimenti che l’autore compie nel corso della poesia e che si inseriscono all’interno del percorso del poeta, di colui che analizza e di colui che legge la poesia, e magari anche l’analisi. Ho utilizzato non casualmente il termine “percorso”, per sottolineare il fatto che è necessario mostrarlo all’interno dello svolgimento e soprattutto nelle transizioni da una parte all’altra dello svolgimento.
Al termine bisogna in qualche modo riassumere il percorso che si è compiuto ed indicare dove si è arrivati: le conclusioni sono “aperte”, lasciano spazio anche a colui che legge che può avere fornito delle risposte diverse ai temi posti. La conclusione costituisce una MARCIA DI ALLONTANAMENTO dalla poesia.
9
Ho spiegato dunque il contesto storico successivo alla poesia e il contesto culturale, le scelte che il poeta compie e l’influenza che la poesia analizzata avrà nel resto della sua vita.

La mia tesi/1

RICERCA DEL MATERIALE
La ricerca è stata svolta con lo stesso metodo sistematico adottato anche nella redazione della tesi. Permette inoltre di capire di più l‟argomento di cui ci si sta occupando, perché si possono effettuare anche scoperte impreviste. La ricerca e il lavoro redatto riflettono inoltre le idee di chi scrive, perché l‟oggettività è impossibile. Questi non sono i soli aspetti da affrontare: anche l‟oggetto con cui si lavora è direttamente collegato alla ricerca. Molti studiosi si sono accorti di quanto sia importante ragionare sul mezzo utilizzato per scrivere, perché modifica l’efficacia e il metodo di lavoro di chi scrive. Una volta la macchina per scrivere era il mezzo utilizzato per la stesura di qualunque documento. La diffusione del computer, di Internet, e delle e-mail offre molte nuove opportunità per gli studiosi. Lo scambio di conoscenze è più facile in quanto le università e i vari studiosi inseriscono in rete i loro contributi. La lettura di ipertesti permette di costruirsi differenti percorsi di lettura, secondo le esigenze del visitatore del sito.
Il mio interesse1 verso il sincretismo tra cristianesimo ortodosso, paganesimo e impegno politico che caratterizzava questi settari e il legame, contenutistico e linguistico, con la poesia di un poeta come Kljuev mi hanno convinto della necessità di redigere uno studio sull‟argomento. Si tratta di un argomento “difficile”, che ha avuto (ed ha) scarsa diffusione in Italia. La peculiarità del mondo contadino russo, le difficoltà della lingua di Kljuev, che utilizza termini del linguaggio dei settari sono le caratteristiche principali. Inoltre Kljuev è molto meno considerato dal mondo culturale rispetto ad Esenin.
1 L‟idea di questa tesi nasce dalla frequentazione dei due corsi della professoressa Danil‟cenko, tenuti rispettivamente negli anni accademici 1997-98 e 1998-99, sull‟Immagine poetica e la realtà nella lirica di S.Esenin e sulle Radici culturali delle poesie dei poeti “neocontadini”.
5
La ricerca si è realizzata in vari modi: il primo è stata la fornitura di materiale da parte della professoressa Danil‟cenko, il secondo è stato lo scambio di e-mail con la RGGU2 e il prof. Benvenuti, del dipartimento di Storia, vi è stata inoltre la ricerca di informazioni su Internet, il lavoro nelle biblioteche, rispettivamente, quella del Dipartimento di Lingue, quella dell‟Archiginnasio e quella del Dipartimento di Storia, e l‟acquisto di alcuni volumi. E‟ interessante analizzare come le sette religiose russe, in particolare quella dei chlysty-chrysty, abbiano influenzato l‟opera di Kljuev. Su questo argomento esiste vario materiale di impronta marxista, in particolare l‟opera di Bonč-Bruevič, caratterizzata da un preciso punto di vista in merito alla religione. Di tendenza diversa sono due testi Chlysty di Etkind, del 1998, e Sekty Chlystov Skopçov‟, del 1882, che mostrano l‟evoluzione della visione delle sette religiose. L‟unica copia disponibile del libro del 1882 è presso la biblioteca della Città del Vaticano. Le ultime due opere mi sono state fornite dalla mia relatrice, che mi ha anche fornito il nominativo della vedova del prof. Fanti, esperto di slavistica, che ho contattato e che non possiede più il materiale utile. Vi è stato uno scambio di e-mail con la RGGU, nella persona della dottoressa Makarova, responsabile delle relazioni esterne, la quale mi ha risposto che la RGGU non ha le opere dell‟antropologo sovietico. Ho anche intrapreso l‟inutile tentativo di chiedere la disponibilità dell‟università di Cambridge, disponibilità che mi è stata negata dal responsabile della biblioteca John Reynolds, in quanto non sono studente di quell‟università.
La ricerca in biblioteca è iniziata da quella del dipartimento di Lingue, nella quale ho trovato per ora solo un saggio della dottoressa Salomoni su Bonč-Bruevič. Nella biblioteca del dipartimento di storia ho rintracciato altri due saggi della dottoressa Salomoni, sullo stesso argomento. In luglio mi sono recato presso la biblioteca dell‟Archiginnasio. Ho ricercato inutilmente tra i volumi e, successivamente, ho intrapreso una ricerca tramite computer sulla banca dati bibliografica OPAC. Ho trovato i volumi presso la biblioteca della Fondazione Gramsci, a Roma. La biblioteca dell‟Archiginnasio, non effettua prestito
2 Rossiskaja Gosudarstvennaja Gumanisticeskaja Universitet: Università Umanistica Statale Russa.
6
interbibliotecario. Ho contattato l‟Istituto Gramsci di Bologna, che non effettua prestito interbibliotecario con la Fondazione Gramsci. Il responsabile del prestito interbibliotecario della Fondazione, dott. Massimi, mi ha comunicato che quei libri fanno parte di un fondo russo-sovietico che è stato donato all‟università di Siena. La responsabile della biblioteca della facoltà di Lettere mi ha comunicato che l‟università è in possesso di quei libri dal 1994, ma che questi giacciono in un magazzino, assieme a molti altri, a causa della mancanza di spazio lamentata dall‟università. Ho provveduto ad inviare una lettera all‟Università di Siena per sollecitare lo sblocco di quel fondo, ma non ho avuto risposta. Prima di indirizzare più precisamente la mia ricerca, ho passato in rassegna i vari motori di ricerca presenti su Internet: il migliore, per completezza ed efficienza, è sicuramente Yahoo. Contiene il maggior numero di siti, diverse diecine di migliaia, offre molteplici possibilità di ricerca e interazione con altri motori. Al termine di questo esame ho individuato tre criteri di ricerca: il primo è la ricerca per categorie, a partire dalla pagina principale del sito. Ho ricercato tra i siti russi e tra i siti che facevano parte della categoria “religioni”. Ho cercato i siti che corrispondono alle parole chiavi “chlysty”, “skopçy” e “dukhoborçy” e “Kljuev” e ho trovato molte decine di siti che presentano due caratteri comuni: il primo è quello di essere in buona parte di provenienza anglosassone e, il secondo di essere caratterizzati da un taglio enciclopedico, sia pure sommario. Vi sono siti sulla storia della Russia, siti che contengono le poesie di Kljuev, e elenchi di pagine web sulle sette. Il problema principale posto dalla ricerca tramite Internet è la vastità della rete, la quale, se, da un lato, consente un dispiegamento a largo raggio delle ricerche, dall‟altro è piuttosto dispersiva e causa molti problemi, se non si trova un metodo di ricerca efficace. Uno degli scopi della ricerca su Internet è stato il reperimento dell‟opera di Bonč-Bruevič sulle sette religiose, problema assai difficile da risolvere. 10 Ottobre 2001

L’indice della mia tesi

KLJUEV: LE VERITA’
NELLA POESIA E NELLA REALTA’
KLJUEV IN ALCUNI PENSATORI TEDESCHI (DUBBI, PROBLEMI E CONTROVERSIE)
SOMMARIO
METODOLOGIA 5
RICERCA DEL MATERIALE 7
1 DALL’INIZIO AL 1918: L’IDILLIO CON LA NATURA 11
1.1 LA FUNZIONE DEL POETA. 11
1.1.1 Rodina Heimat Vaterland: “Dove siete impeti bollenti” 11
1.1.2 La questione del capro espiatorio in “Come uno schiavo remissivo” 16
1.1.3 Il poeta come profeta in “Stelle di montagna come rugiada” 19
1.1.4 Il poeta come anti-Prometeo “Io ero magnifico e alato”. Differenze tra le sette e legami con il pensiero di Max Weber. 25
1.2 L’INFLUENZA DEL PAGANESIMO IN “NEI GIORNI DI SETTEMBRE INTESSUTI D’ORO” . 32
2
1.3 L’APOLLINEO E IL DIONISIACO IN KLJUEV IN “LA PRIMAVERA HA SMESSO DI BRILLARE”. IL CONCETTO DI MAT’-CYPA-ZEMLJA. 38
1.4 LE ALLEGORIE NELLA POESIA DI KLJUEV. 45
1.4.1 La personificazione dei mali del mondo: “Ci avete promesso” . 45
1.4.2 La descrizione della società prerivoluzionaria. La campagna in “La gazza ladra vecchia credente con la tonaca nera cammina” . 48
2 SPERANZA NELLA RIVOLUZIONE 53
2.1 IL VILLAGGIO IN “SPRAZZO DI AZZURRO – MARE”. 53
2.2 LA NATURA DIVINA IN KLJUEV: IL PANTEISMO 57
2.2.1 Quadro della natura: “Bruni campi arati – verdi limiti” 57
2.2.2 Manifesto di amore per la natura: “Amo gli accampamenti nomadi” 60
2.2.3 La natura rende omaggio a Cristo in “Una foglia dello scorso anno nel burrone” 62
2.2.4 Pentecoste: il poeta-profeta consacrato in “Fiuto la santa Raduniça” 64
2.2.5 Quadro della natura con pellegrinaggio in “Pellegrine vanno per la strada” 66
2.2.6 La fine dell’inverno: “Le isbe scongelate, la strada” 68
2.3 QUADRO DELL’ISBA IN INVERNO: “GIÀ SI NASCONDE DALLA SORVEGLIANZA” 75
2.4 GLI SPIRITI NELLA CULTURA RUSSA 78
2.4.1 Il Lesovik: “Nel burrone le allacciature di neve” 78
2.4.2 La natura ambigua degli spiriti in “Non credere i demoni non sono alati” 80
2.5 LA MISSIONE DEL POETA: “MI CHIAMARONO RASPUTIN”. RASPUTIN E KLJUEV. 86
2.6 IL PROFETA LENIN IN “VI È IN LENIN LO SPIRITO DEL VECCHIO CREDENTE”. LENIN COME AVVAKUM E LUTERO 90
3
3 DISPERAZIONE E PRESAGI DI MORTE NELL’ULTIMA FASE DELLA VITA DEL POETA 100
3.1 LA QUESTIONE DELLA SPECIALIZZAZIONE 100
3.1.1 Primi presagi di morte in “Sera” 100
3.1.2 Il difficile rapporto con il mondo esterno: “La rivoluzione non mi è madre” 103
3.2 LO SCONVOLGIMENTO DEI VALORI 110
3.2.1 L’immagine del villaggio cambia: “Villaggio – sogno di tronchi d’albero”. 110
3.2.2 Lo sconvolgimento dell’universo spirituale: “Ti coccolo albero del paradiso” . 115
3.3 I DEMONI E LA PERDITA DELL’INNOCENZA IN “LA RUSSIA ERA SORDA, ZOPPA”. LE CONCEZIONI DI SACHER-MASOCH. IL POETA COME GANIMEDE. 119
3.4 LA MISSIONE DEL POETA: “OTTOBRE MI RAGGIUNGERÀ”. IL POETA E PROMETEO. 128
3.5 LA FINE IN “CI SONO DUE PAESI”. 137
APPENDICE 141
BIBLIOGRAFIA 207

ribloggo

Ho l’onore di ribloggare questa meraviglia…

I. Davvero, vivo in tempi bui! La parola innocente è stolta. Una fronte distesa vuol dire insensibilità. Chi ride, la notizia atroce non l’ha ancora ricevuta. Quali tempi sono questi, quando discorrere d’alberi è quasi un delitto, perché su troppe stragi comporta silenzio! E l’uomo che ora traversa tranquillo la via mai piú potranno raggiungerlo […]

via A coloro che verranno – Bertolt Brecht — Poesia in Rete

Leggetelo…

Ho letto i migliori di noi di Andrea Scanzi, edito dalla Rizzoli. si tratta di un libro agile, che si legge in scioltezza, per imitarne l’autore. è scorrevole, e questo è il primo pregio. Si respira Arezzo, questo è il secondo pregio, mentre lo si legge. è una storia di amore, amicizia, vita, cibo, piena di ironia, autoironia, sarcasmo. C’è anche l’amore per i cani. Vi innamorerete dei personaggi, da Max Bigodini a Vaiana. A me piace soprattutto Vaiana. Forza!!! Non l’avete ancora comprato? andate a comprarlo, altrimenti siete dei Nardella (aridai, sto di nuovo imitando Scanzi)

consiglio da amici

Questo blog è fantastico. Volevo parlare di uno dei miei lavori, che è anche la mia passione. Sto parlando di tutto, inserisco fotografie, video, parlo, poco, di politica. Scrivo poesie e racconti.

Adesso parlo anche di libri. Vi do un consiglio da amico: leggete Memoria delle mie puttane tristi. C’è l’amore, la poesia, la fantasia, la materialità di Garcia Marquez. C’è un intellettuale, uno scrittore che ha novant’anni. Che compie novant’anni. Vi farà capire che non siamo mai alla fine della vita. Questo romanzo vi farà amare il Sudamerica. Peccato che sia edito dalla mondadori, di berlusca. Ho speso 5 euro, forza compratelo.

Peter Handke — Interno Poesia

[…] Inutile forse dire che la durata non nasce dalle catastrofi di ogni giorno, dal ripetersi delle contrarietà, dal riaccendersi di nuovi conflitti, dal conteggio delle vittime. Il treno in ritardo come al solito, l’auto che di nuovo ti schizza addosso lo sporco di una pozzanghera, il vigile che col dito ti fa cenno dall’altro…

via Peter Handke — Interno Poesia