cielo

Il cielo plumbeo a Passo del Lupo

Il cielo plumbeo è una promessa mantenuta di un poco di fresco. Non ci si può lamentare, si sta meglio che in città. Per lo meno si respira un po’, un pochino però. Siamo a 1500 metri abbondanti. Questi discorsi sono da comari da ballatoio, me ne rendo conto, ma la temperatura inclemente stronca la volontà e anche i neuroni.

Non sono mai salito su una seggiovia, credo che si chiami così e non ci salirei mai, per tutto l’oro del mondo. Soffrirei pure di vertigini, salendo lì sopra, Mi fa paura solo a vederla, Però salgo sugli aerei, senza problemi. Ieri notte ho dormito malissimo ed ho avuto un mal di testa atroce, per colpa del caldo. Avevo la pressione sotto i tacchi e santa RedBull mi ha aiutato almeno un po’.

Basta lamentarmi.

a presto

M.

5 anni

Sono passati 5 anni da quel momento, dal momento in cui ho deciso di scrivere qualcosa. Ci sono ancora molti nodi da sciogliere, questioni da chiarire, cose che non capisco. Ho vissuto molto, con molto cuore, come mi ha detto un ragazzo in palestra, forse troppo. Sto pensando al vicino di casa che pota la siepe e lascia l’erba tagliata per terra. Dopo si alza il vento e l’erba tagliata si sparge ovunque, senza pietà. Sto pensando ai medici che non hanno umanità, ne ho incontrati diversi in questo periodo in cui ho frequentato troppo ospedali. Sto pensando a ragazzine che parlano troppo e con sicumera e a ragazzine che mi insegnano molto. Sto pensando al fatto che ragiono ancora poco e non sto abbastanza attento ai segnali che mi manda il mio fisico. Sto pensando che sembro uno che usa tanto la ragione, ma non è vero. Sono un impulsivo, anche se ho l’aria tranquilla.

alba

Qualcosa che manca

Ci vai, perché hai un conto in sospeso. Ci vai, perché non sai cosa manca, ma senti che manca qualcosa. Vai, perché non sempre le parole servono o sono adeguate. Vai, perché hai necessità di mettere alla prova il tuo sguardo interiore. Ecco qua.

Vai, perché hai bisogno di primavera, ma di una primavera interiore: quel sole e quei colori te ne possono portare un po’?