Mese: aprile 2018

Cose serissime. Sostegno al dottor Di Matteo

Per una volta mi faccio da parte, di fronte a certe notizie.

Alle consultazioni con Mattarella partecipa un frodatore del fisco, amico di mafiosi e probabile mafioso.

Intervento del dott. Di Matteo al Sum

Annunci

Ci salveranno

Ci salveranno i congiuntivi studiati bene, ci salveranno la cultura e l’istruzione, Una volta avevo fiducia in Rifondazione, quest’anno ho votato Potere al Popolo e il Movimento 5 Stelle (non sono grillino!) Sono comunista, ma non riesco ad avere fiducia nella politica fatta in forma tradizionale. Ci salverà l’istruzione, ci salveranno le lezioni frontali, ci salverà lo studio. Leggete quest’articolo meraviglioso di Salvatore Settis.

Scuola

Si è fatta sentire

Ieri sera mi ha mandato un messaggio. So che sarà impossibile un amore tra noi, ma il suo messaggio mi ha fatto bene. Da ieri si ricomincia, con meno ansia e un po’ più di accortezza. Ora conosco il ritmo, ora so ballare meglio e non sarò fuori tempo. So ascoltare meglio la musica. Il secondo tempo è iniziato: l’avversario è troppo forte, probabilmente, ma non devo avere paura. Guarda avanti.

Ora

Perché una storia deve per forza essere ben raccontata? Perché ogni parola deve essere per forza al posto giusto? Io so parlare bene, o almeno così mi dicono. Mi dicono che sono colto, mah… Questa storia è finita in vacca, anche per la mia ansia, perché non ho dato abbastanza sicurezza. Non sono sembrato abbastanza adulto, sono sembrato un bamboccio. Lei non ha trovato un’alternativa valida ai bambocci che frequenta, o per lo meno, l’ha trovata solo in parte. Mi chiedo: come mai la parte positiva non ha oscurato la parte raccontata non sempre bene? Il mio atteggiamento, nel metodo, è risultato negativo. Come mai non ha vinto la mia aria rock, come l’ha definita quel genitore? Perché lei non ha saputo vedere sempre la mia parte positiva? Se la logica fosse stata logica, lei a quest’ora sarebbe stata con me. A me piacciono le cose logiche, per questo motivo voglio scrivere una storia d’amore in cui tutto va a finire bene.

Settembre

Ragioni

Le delusioni servono a far crescere, le delusioni servono a capire qualcosa e a ripartire. Questi sono alibi penosi per coprire le frustrazioni delle sconfitte. Essere sconfitti fa solo male, ma la sconfitta va sopportata, va elaborata. Ho perso, perché ho comunicato male, perché ho esagerato con i messaggi di whattsapp, perché ho comunicato male le mie ragioni e la mia essenza. Sono venuto fuori come un frustrato ansioso e ansiogeno e non lo sono. Forse sto vivendo un periodo un po’ così, ma sono una persona brillante, allegra e con una certa dose di fascino. Me lo dicono in diversi, uomini e donne, ho gli occhi profondi e allegri. Quanto è importante comunicare? Molto, forse troppo, specialmente se penso che lei non è riuscita a vedere oltre. Oltre al numero esagerato di messaggi e al contenuto a volte un po’ lagnoso di alcuni di essi c’è un uomo, ci sono ragioni e c’è un anima, ci sono cose diverse dagli altri che io avrei potuto darle.

Ragioni è indicativo presente, che guarda in faccia al prossimo, ragioni è imperativo alla forma di cortesia, ragioni è congiuntivo, periodo ipotetico. Ragioni è sostantivo plurale, fatto di parole e concetti che servono a dire cose e ad esprimere pensieri. O almeno credo. Credo nella possibilità dell’uomo di elevarsi, di migliorarsi, altrimenti non sarei comunista, altrimenti non sarei insegnante. A volte ci credo troppo e penso che quella ragazza abbia sbagliato a non volermi. Forse non sa di essere mediocre, forse ama troppo il suo mondo, forse non sa che può mettere fuori la testa e vedere la luce, forse non vuole. Probabilmente avrei dovuto farglielo capire meglio, non sono stato bravo a far valere le mie ragioni.